SAVERIO CARUSO  Frammenti dell'inconsapevole sorriso

 

Frammenti dell'inconsapevole sorriso



" Chi ricorda poeta" sostiene Saverio Caruso, e continua  "sono consustanziali l'una all'altra, l'arte e la memoria".
Il poema ha una vita,anzi ha pi vite interiori  " che hanno
dimora in una memoria senza fondo in cui si penetra e ci si
perde per rinascere".
Cosa ha indotto l'autore a intitolare, piuttosto enigmaticamente, il suo lavoro sul ricordo al  "l' inconsapevole sorriso"? Cosa lega il sorriso inconsapevole al ricordo e la ricordare? Posso arrischiare un'ipotesi. Mi accaduto di notare, a proposito del suo libro L'ospite luminoso, che Saverio Caruso lo ha concepito e formato come creatura. Ma anche questo sul "ricordo" si svela, mano a mano che leggiamo, un libro-creatura, amorosamente allevato. E  la creatura non tale da suscitare l'inconsapevole sorriso, un sorriso incomprimibile,  in chi la contempla  e la cura?
(dall'introduzione di Rubina Giorgi)

PREZZO

15,00